12 anni di WFF


La fantasia, la scrittura, la creatività – tutte parole femminili. Il Women’s Fiction Festival, nato dall’idea di Elizabeth Jennings, Maria Paola Romeo, Mariateresa Cascino e Giovanni Moliterni, è l’unico evento in Europa dedicato alla narrativa femminile, con la particolare formula del Congresso per scrittori.
Oggi, ai soci fondatori, si sono unite nel consiglio direttivo Giuditta Casale, blogger di GiudittaLegge e Silvia Palumbo.

Ogni anno celebra la scrittura e la lettura con tre giorni di approfondimento culturale fra i Sassi di Matera. Un’occasione di incontro per chi scrive e per chi legge. L’assoluta novità è rappresentata dal format dell’evento, che propone: un Congresso internazionale per scrittori, master class e corsi di scrittura creativa, “Briefings for thriller writers” dedicati ai giallisti, appuntamenti a tu per tu tra scrittori, editor, agenti letterari e consulenti editoriali, incontri con il pubblico e con gli allievi delle scuole, happy hour, concerti e la premiazione letteraria denominata “La Baccante”.

Nel corso dell’anno, il WFF organizza incontri con gli autori, presentazioni di libri, reading in lingua inglese e acquisisce da case editrici e amici simpatizzanti volumi e opere letterarie raccolte nella Lending Library e nella Bibliothèque Française.

Nel corso degli anni, il WFF ha portato a Matera i direttori editoriali e gli editor delle importanti case editrici del mondo, tra cui Penguin Books, Harper Collins, Harper Collins, Faber & Faber, Simon & Schuster, Kensigton Publishing, Grand Central, St. Martin Press, Bitter Lemon Press, Einaudi, Piemme, Mondadori, Sperling & Kupfer, Feltrinelli, Rizzoli, Sonzogno, Marsilio, Amazon, Kobo. Moltissimi gli autori che hanno incontrato i lettori di tutte le età nelle scuole, nelle piazze, tra la gente: Margaret Mazzantini, Clara Sanchez, Sveva Casati Modigliani, Lina Wertmüller, Inge Feltrinelli, Nick Hornby, Daniel Pennac, Nicholas Sparks, Stefano Benni, Alessandro Baricco, Giuliana Sgrena, Gianrico Carofiglio, Geppi Cucciari e tantissimi altri.

Condividi Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+