Versione Inglese Versione Inglese

Navigation within this Page:

Main Menu Page Content


Main Menu:


- Il Gioiello

"Le Baccanti, nel mito greco, rappresentavano l'esaltazione mistica eccessiva e feroce culminante nella pratica di rituali cruenti. Erano tuttavia sacerdotesse di Dioniso, simbolo di conoscenza occulta ma, soprattutto, incarnazione del principio naturale della psiche, l'istinto. Quello stesso principio naturale che liberandosi, esprimendosi nella persona attraverso invasamento e possessione, produce l'arte, la danza, la musica e il canto.
Questa baccante nasce da un rovesciamento poetico di senso e dal desiderio di rivalutarne la figura facendone un simbolo della condizione e del ruolo della donna nella cultura. Non Ŕ, infatti, proprio la natura femminile, in quanto depositaria del segreto della vita, da sempre associata alla sfera istintuale?
La baccante diventa nella mia immaginazione non solo custode dei misteri di un culto, ma portatrice del seme, la pietra di taglio ogivale incastonata nel ventre, seme che giÓ germoglia nelle pieghe delle vesti ondeggianti operando una metamorfosi della donna in forma floreale, ma capace in particolare di contenere nelle mani la propria storia: la sagoma intera del collier fa riferimento infatti alla forma classica dello specchio da viaggio.
La donna, attraverso una ricerca tutta interiore, la conoscenza di sÚ, e attraverso l'esperienza dell'arte, giunge alla riconquista del proprio posto nella storia"
.

Lela Campitelli
Artista orafa
Laboratorio Materia