Scuole 2018

image womensfiction festival

“Leggere è rivoluzionario?” è il percorso ideato per le scuole nell’ambito della XIV edizione del WFF in collaborazione con Silvana Sola, che, con la Giannino Stoppani di Bologna, da più di 30 anni è impegnata nel campo della Letteratura per Ragazzi.

Nel percorso sono state unite due realtà apparentemente lontane, ma intimamente connesse: Lettura e Legalità. Infatti, l’Italia è un Paese di non lettori, in cui, al contrario, le percentuali di criminalità sono drammaticamente alte. Due emergenze critiche, che agiscono in due ambiti nevralgici per la formazione di cittadini consapevoli: cultura e senso civico. Le storie possono così divenire strumenti per creare, a partire dalle giovani generazioni, una consapevolezza utile per una migliore qualità della vita: hanno, infatti, un ruolo fondamentale nella comprensione della realtà, perché creano un immaginario condiviso, all’interno del quale il principio di vivere nella legalità acquista una centralità fondamentale.

E allora Leggere sarà rivoluzionario!
Come diritto, come invito all’agire in difesa di valori come l’onestà, il rispetto, la bellezza (un valore etico, oltre che estetico, come ci ha insegnato Peppino Impastato).

BILL – LA BIBLIOTECA DELLA LEGALITA’

Il percorso ideato per le scuole culminerà nella creazione a Matera della Biblioteca della Legalità: una collezione ragionata di libri per diffondere la cultura della legalità, della responsabilità e della giustizia tra le giovani generazioni attraverso la promozione della Lettura.
Il WFF sarà, quindi, capofila di una Rete Territoriale (a cui hanno aderito scuole, associazioni, librerie), che darà vita ad un progetto veramente speciale: creare un punto di incontro e di confronto, di discussione e di riflessione, di formazione e di ideazione.

Un luogo in cui progettare e realizzare Cultura a partire dai Ragazzi, vero punto di riferimento per una Società che voglia definirsi Civile e per una Città che voglia realmente essere Capitale Europea della Cultura 2019 !

Il primo nucleo della Biblioteca della Legalità è nato grazie all’Associazione Fattoria della Legalità (insieme a Libera, ANM sottosezione di Pesaro, AIB Marche, Ibby Italia, Comune di Isola del Piano, ISIA Urbino e Forum del Libro) ad Isola del Piano, in un bene confiscato alla mafia, per poi diffondersi in altre città italiane, Matera compresa.

LA RIVOLUZIONE DI PAROLE OSTILI

L’altra anima del programma per le scuole è quella di Parole O_Stili, una straordinaria esperienza che da ormai due anni infiamma i cuori e le menti di ragazzi e adulti.

“Le Parole hanno un potere grande: danno forma al pensiero, trasmettono conoscenza, aiutano a cooperare, costruiscono visioni, incantano, guariscono e fanno innamorare. Le Parole possono anche ferire, offendere, calunniare, ingannare, distruggere, emarginare, negando con questo l’umanità stessa di noi parlanti. Ecco perché dobbiamo usare bene e consapevolmente le Parole, sia nel mondo reale sia in rete. Se è vero che la rete e i social network sono luoghi virtuali dove si incontrano persone reali, dobbiamo domandarci chi siamo e come vogliamo vivere e comunicare anche mentre abitiamo questi luoghi.”

Su questi presupposti prenderanno vita i laboratori didattici per i ragazzi materani, per far scoprire loro i principi del Manifesto della Comunicazione Non Ostile narrati da dieci grandi autori italiani.

Condividi Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+